Azienda coreana assume solo over -55 per combattere la “discriminazione generazionale”

 20 Giugno , 2017

[download]

 

Per un cinquantenne è spesso difficile trovare lavoro: le imprese infatti (quando assumono qualcuno) spesso preferiscono assumere persone più giovani, anche se hanno meno esperienza: Le motivazioni variano: per qualcuno sono più facili da formare, per altri rappresentano un migliore investimento nel lungo termine, per altri semplicemente costano meno (dato anche che “devono accontentarsi” data l’elevata percentuale di disoccupazione giovanile).

Un’azienda coreana ha deciso di capovolgere* questo approccio. EverYoung, una società informatica con sede a Seoul, pone una condizione insolita ma rigida quando assume nuovi impiegati: i candidati devono avere almeno 55 anni. È stato così da quando EverYoung è stata fondata, nel 2013, e ora impiega 420 persone di età compresa tra 55 e 83 anni.

Chung Eunsung fondatore di EverYoung, ha detto che la scelta vuole essere un modo “pratico e concreto” di fare qualcosa contro la discriminazione generazionale che emargina gli anziani, secondo lui una questione “molto urgente” in Corea del Sud.

La Corea sta invecchiando e il fenomeno sta accelerando, perciò crediamo che la partecipazione degli anziani alla nostra economia, in realtà, possa rivitalizzarla e ravvivare la società che invecchia“, ha dichiarato Chung a Channel News Asia. “Credo che impiegando gli anziani aiutiamo a migliorare la loro qualità di vita e il loro benessere“.

La giornata di lavoro in EverYoung si divide in diversi momenti. Per i dipendenti sono previste pause di 10 minuti ogni 50 minuti di lavoro. Durante le pause gli impiegati possono rilassarsi negli appositi ambienti previsti nell’azienda, mangiare uno snack, leggere un buon libro e tenere sotto controllo anche la loro salute, grazie ad alcune macchine fornite dall’azienda che misurano la pressione del sangue.

Non si tratta dunque solo di semplice lavoro, ma è qualcosa di più profondo. EverYoung grazie alla sua politica aziendale vuole dare un contributo concreto a combattere la discriminazione che affligge gli anziani della Corea del Sud, considerati erroneamente* obsoleti* in una società sempre di corsa.

Si potrebbe giustamente obiettare che molte delle persone che lavorano per Chung meriterebbero di essere in pensione, ma molti degli impiegati hanno scelto di lavorare per tenersi attivi: “Cerco di stare al passo con i tempi e sono ansioso di imparare nuove abilità“, dice un impiegato di EverYoung ottantatreenne. “Ho sviluppato molte nuove competenze informatiche qui e per questo sono contento di venire a lavorare ogni giorno“. “Dopo che le mie due figlie sono cresciute, mi sembrava di non fare niente. Volevo fare qualcosa per me e imparare cose nuove“, ha raccontato una dipendente cinquantanovenne.

Ecco il video con la testimonianza di alcuni dipendenti della EverYoung:


Vocabolario:
capovolgere: rovesciare, cambiare completamente
erroneamente: in maniera sbagliata
obsoleto: vecchio, superato

Domande:

  1. Qual è la filosofia dell’azienda?
  2. Cosa ne pensi di questo progetto?
  3. Credi che impiegando le persone anziane, il problema della disoccupazione giovanile peggiori?
  4. Come vengono considerati gli anziani in Australia?
  5. Qual è la situazione della disoccupazione giovanile qui in Australia?
  6. Quali altre attività potrebbero svolgere gli anziani in un’azienda?
  7. Avresti voglia di continuare a lavorare anche dopo la pensione?
  8. Se fossi già in pensione e ti offrissero un lavoro, torneresti a lavorare?
  9. Come occuperai (o occupi) il tuo tempo una volta andata/o in pensione?